ULTIMI ACCORGIMENTI PRIMA DELLA RACCOLTA, SPERANDO ANCHE CHE ARRIVI UN PO' DI PIOGGIA - NOTIZIARIO DELL’OLIVICOLTORE n° 9 del 16 ottobre 2018

ULTIMI ACCORGIMENTI PRIMA DELLA RACCOLTA, SPERANDO ANCHE CHE ARRIVI UN PO' DI PIOGGIA - NOTIZIARIO DELL’OLIVICOLTORE n° 9 del 16 ottobre 2018

Siamo ormai giunti a ridosso dell’apertura dei frantoi e tra poche settimane inizieranno le prime moliture. La produzione in Umbria è fortemente disomogenea tra zona e zona ed anche tra le diverse proprietà poste nello stesso ambito. La variabilità sul carico di frutti dei singoli olivi è legata soprattuttoalla intensa e tardiva ondata di gelo dell’inizio di quest’anno, denominata Burian, già descritta nel bollettino n. 1 del 10 marzo 2018. Le differenze di produzione sono molto ampie e variano tra coloro che non potranno raccogliere nulla, fino a coloro che invece possono vantare una delle più copiose produzioni degli ultimi anni. In molte zone dell’Umbria assistiamo, da molte settimane, alla mancanza di piogge con evidente carenza d’acqua anche per gli oliveti di colina dove le drupe si presentano scarsamente turgide e con poca polpa rispetto al volume del nocciolo interno.
Dobbiamo sperare che, dopo l’alta pressione prevista per la settimana entrante, possano arrivare delle piogge regolari che favoriscano la reidratazione delle olive ed il loro parziale recupero. Il momento ideale per la raccolta si verifica quando viene raggiunto il massimo del contenuto in fenoli e quando si ha una buona resa in olio in rapporto alla massa portata al frantoio. Spesso si tende a far coincidere il momento ideale della raccolta con l’avvenuto cambiamento di colore delle olive (invaiatura). I nostri nonni lasciavano le preziose drupe a lungo sulla pianta, oppure leraccoglievano e le conservavano al coperto, a strati di basso spessore, aspettando che si asciugassero per trasportare meno massa al frantoio e, soprattutto, per risparmiare sul costo della molenda calcolata a quintale. Oggi, invece, si deve puntare a produrre un olio di elevata qualità che possa soddisfare il nostro palato e possa spuntare prezzi più alti sul mercato. E’ bene tener presente che una buona qualità dell’olio dipende anche dal tempo trascorso tra la raccolta delle olive e la loro molitura. Il consiglio è quello di consegnarle al frantoio entro le 24 ore per poter gustare tutti i profumi dell’olio nuovo. Comunque non dovrebbero mai trascorrere più di 48 ore anche per coloro che ritengono di avere i locali e le attrezzature adatte allo stivaggio.
 
In diversi Comuni della nostra Regione, da qualche mese, viene segnalata la presenza della mosca e molti olivicoltori sono intervenuti con i trattamenti del caso. E’ opportuno ricordare che i più noti prodotti fitosanitari possono controllare l’infestazione soltanto per i successivi 15-20 giorni dopo l’intervento. Trascorso tale periodo il rischio può nuovamente riemergere in maniera concreta. Pertanto, come più volte ribadito nei mesi passati,è importante monitorare, almeno una volta alla settimana, il proprio oliveto per avere certezza che le olive siano indenni dalle punture dell’insetto, oppure che queste restino sotto alla soglia. In caso contrario, visto che ci troviamo ormai alla metà di ottobre, non resta che decidere tra due possibili scelte:
-        Raccogliere in anticipo;
-        Effettuare un trattamente con un prodotto caratterizzato da un periodo di carenza più breve (es. formulati a base di ACETAMIPRID ammessi per l’olivo che consentono di poter raccogliere dopo 21 giorni dall’irrorazione.
 
Con l’occasione si consiglia a tutti di intervenire con prodotti rameici immediatamente dopo la raccolta, soprattutto se questa è stata fatta con strumenti abbacchiatori che possono causare piccole ferite sui rami degli olivi. Il rame aiuta anche a limitare lo sviluppo del fungo chiamato “occhio di pavone”.
 
Ultima annotazione: nelle noste zone, caratterizzate da inverni particolarmente rigidi, si consiglia di non avere troppa fretta per effettuare la potatura degli olivi, attendendo sempre e comunque la prossima primavera

Buon lavoro a tutti.

Moreno Moraldi
studio.proverde@gmail.com

Stazione meteo Perugia centro
in tempo reale

LE NOSTRE WEBCAM
 


Canali

Aggiornato al 31/12/2014

Vai al diario meteo giorno per giorno!

Vieni a trovarci su facebook!