NOTIZIARIO DELL’OLIVICOLTORE n° 7 del 06 agosto 2017 - LA MOSCA CONTINUA AD ESSERE SOTTO CONTROLLO, MA LA SICCITA' RESTA GRAVE

NOTIZIARIO DELL’OLIVICOLTORE n° 7 del 06 agosto 2017 - LA MOSCA CONTINUA AD ESSERE SOTTO CONTROLLO, MA LA SICCITA' RESTA GRAVE
a cura dell'Agr. Moreno Moraldi

L’assenza di precipitazioni e le elevate temperature diurne che da settimane si posizionano ben al di sopra della media stagionale, ci consentono di non preoccuparsi per eventuali attacchi della mosca dell’olivo. Infatti l’insetto, in tali condizioni, non è in grado di deporre le uova e, come già detto in precedenza, queste ultime potrebbero venire riassorbite per garantire all’insetto il corretto equilibrio idrico del corpo quando il caldo supera i 31°C per almeno 3 giorni consecutivi. Le previsioni ci indicano che potrebbero verificarsi, lungo la catena appenninica dell’Umbria, alcune piogge sporadiche nella giornate di giovedì 10 e venerdì 11 agosto 2017, soggette a ripetersi forse nella settimana successiva al ferragosto.

Il conseguente aumento dell’umidità atmosferica dovrebbe essere limitato nel tempo, mentre le temperature, anche se più sopportabili rispetto all’ultima settimana, dovrebbero attestarsi sempre al livello o al di sopra di quelle tipiche stagionali. Se tali condizioni saranno confermate, il rischio di eventuali attacchi da parte della mosca dell’olivo, per ora, si riduce praticamente a zero. Al momento anche l’occhio di pavone non preoccupa, grazie alle condizioni di scarsa umidità atmosferica.

L’esame dei risultati delle catture effettuate con i sistemi di monitoraggio, sia in Umbria che nei punti più a rischio del Lazio e della Toscana, porta ad affermare che, al momento, siamo ben lontani dal raggiungere le soglie di rischio, pertanto non è necessario alcun intervento contro la mosca. Qualche attenzione in più deve, invece, essere dedicata agli oliveti biologici, nei quali, sulla base dei risultati delle catture, potrebbero manifestarsi le condizioni per avviare la lotta adulticida, tenendo conto che, qualora la diffusione dell’insetto raggiungesse i livelli di soglia, la lotta ovicida e larvicida di tipo biologico non potrà avere la medesima prontezza ed efficacia dei trattamenti effettuabili con gli analoghi prodotti fitosanitari di sintesi chimica.

Restano sempre validi i consigli dati con i precedenti bollettini ed in particole quelli riguardanti l’irrigazione. Potrebbero essere utili, in questo periodo, 2 o più concimazioni fogliari, distanziate di 8-10 giorni, con prodotti contenenti potassio (K), elemento particolarmente necessario in questa fase fenologica del frutto (es. nitrato di potassio 13-0-45 all’1% che contiene anche una certa quantità di azoto, seppur limitata). Integrare eventualmente con urea all’1%, come già descritto nei precedenti notiziari, visto che le piante, per la difficoltà di attingere alla soluzione circolante del terreno a causa della siccità, non sono in grado di prelevare i quantitativi di sali minerali necessari allo sviluppo delle drupe.

Buon lavoro a tutti. Per chiunque volesse contattare direttamente il Dott. Moraldi, la mail è: moraldi@email.it

Stazione meteo Perugia centro
in tempo reale

LE NOSTRE WEBCAM
 


Canali

Aggiornato al 31/12/2014

Vai al diario meteo giorno per giorno!

Vieni a trovarci su facebook!