Notiziario n°7 del 10 agosto 2015

NOTIZIARIO DELL’OLIVICOLTORE n°7 del 10 agosto 2015

a cura dell'Agr. Moreno Moraldi

I temporali sparsi che nei due pomeriggi di quest’ultimo fine settimana hanno bagnato gran parte del territorio dell’Umbria, cui faranno seguito, secondo le ultime previsioni della settimana antecedente il ferragosto, temperature relativamente miti con umidità relativa a tratti anche elevata, creano le condizioni adatte per la deposizione delle uova da parte della mosca dell’olivo. Tale insetto può deporre, nell’arco della propria vita, circa 200/250 uova. Dai numeri si può ben capire come l’aumento degli insetti all’interno degli oliveti possa aumentare in maniera esponenziale di generazione in generazione. Per fortuna la prima di queste è stata praticamente azzerata dalle temperature elevate degli ultimi 40 giorni con favorevoli ripercussioni sulla diffusione dell’insetto per tutti i mesi restanti. Ciò non toglie che da questa settimana dovrà iniziare un monitoraggio più attento sia sulle trappole per coloro che ne dispongono, sia direttamente sui frutti mettendo in pratica i suggerimenti già riportati nel precedente bollettino n. 5 del 27 luglio 2015. Non appena il tempo si sarà stabilizzato, con assenza di rischi per temporali o piogge, sarà utile ripetere i trattamenti con prodotti rameici per rinforzare l’epicarpo delle olive in funzione di rendere più difficoltosa, alla mosca, la deposizione delle uova. I trattamenti rameici saranno anche e soprattutto utili per contrastare la malattia dell’occhio di pavone, soprattutto sulle varietà più sensibili come il moraiolo, la nostrale di Rigali ed anche il frantoio. Nelle zone dove i temporali di questi giorni non sono arrivati o non hanno bagnato a sufficienza il terreno, può essere utili effettuare delle concimazioni potassiche, così come già suggerite con il bollettino della settimana scorsa che si riporta per comodità dei lettori:

-       Nelle zone caratterizzate dal perdurare della siccità, potrebbero essere utili, in questo periodo, 2 o più concimazioni fogliari, distanziate di 8-10 giorni, con concime a base di potassio, elemento particolarmente utile in questa fase fenologica del frutto (es. nitrato di potassio o fosfato monopotassico all’1%, oppure solfato potassico al 2%). Si consiglia di aggiungere un bagnante-adesivante da dosarsi secondo le prescrizioni indicate in etichetta.

A coloro che dispongono di capannine per il monitoraggio dell’insetto si consiglia di verificare, con il metodo già spiegato nel bollettino n. 5, eventuali ovideposizioni (piccoli fori visibili sull’epicarpo del frutto) controllando per prime le olive da mensa, le preferite della mosca.

Restano sempre validi i consigli dati con i precedenti bollettini ed in particole quelli riguardanti l’irrigazione. Nelle zone caratterizzate dal perdurare della siccità, potrebbero essere utili, in questo periodo, 2 o più concimazioni fogliari, distanziate di 8-10 giorni, con concime a base di potassio, elemento particolarmente utile in questa fase fenologica del frutto (es. nitrato di potassio o fosfato monopotassico all’1%, oppure solfato potassico al 2%). Si consiglia di aggiungere un bagnante-adesivante da dosarsi secondo le prescrizioni indicate in etichetta.

Stazione meteo Perugia centro
in tempo reale

LE NOSTRE WEBCAM
 


Canali

Aggiornato al 31/12/2014

Vai al diario meteo giorno per giorno!

Vieni a trovarci su facebook!