Bollettino meteo per venerdì 17 gennaio 2020

17/01/2020
VENERDI' 17 GENNAIO

Sereno o poco nuvoloso su tutta la regione con banchi di nebbia e gelate nelle pianure e nelle valli. Tendenza ad aumento della nuvolosità dal pomeriggio con cielo nuvoloso in serata

Venti deboli meridionali in rinforzo in serata

Temperature minime stazionarie
temperature massime stazionarie su valori al di sopra della norma nelle zone collinari e montane



Avvisi meteo

PIOGGE SPARSE E NEVICATE IN MONTAGNA NELLA GIORNATA DI SABATO 18 GENNAIO CON CALO TERMICO. MIGLIORAMENTO DA DOMENICA 19 CON CORRENTI DI TRAMONTANA - Bollettino meteo del 17 gennaio 2020 - ore 15.00


Il lungo periodo anticiclonico di oltre tre settimane che ci ha direttamente interessato sta per terminare, o almeno subirà da sabato 18 gennaio, una interruzione, grazie all'arrivo di una perturbazione atlantica che già dalla serata di venerdi 17 si addosserà all'arco alpino occidentale con precipitazioni su Liguria e Piemonte, localmente nevose anche in pianura padana. Poi, dalla nottata, nuvolosità e precipitazioni si estenderanno a tutto il nord e Toscana  con piogge più intense su Liguria e alta Toscana, mentre assumeranno prevalente carattere nevoso sui rilievi e anche sulla pianura padana centro-occidentale, dalla mattinata di domani piogge su gran parte del centro e Campania con nevicate al di sopra degli 800-1000 metri sui rilievi appenninici, dalla serata avremo un miglioramento ad iniziare dai settori occidentali. Per domenica 19 nuvolosità variabile al centro nord in estensione anche alle regioni meridionali e Sicilia con residue precipitazioni, le temperature in calo significativo sopratutto in montagna e nei valori massimi, al nord e regioni centrali adriatiche; mentre il tempo andrà a peggiorare sulla Sardegna dove nei primi giorni della prossima settimana avremo precipitazioni insistenti e abbondanti. Invece sul resto della penisola da lunedi 20 e per alcuni giorni della prossima settimana, la pressione atmosferica andrà di nuovo aumentando con cieli in prevalenza sereni e la ventilazione inizialmente fredda si orienterà da est nord-est, ma durante la settimana le temperature tenderanno di nuovo ad aumentare.

Anche sull'Umbria si sta per interrompere il periodo anticiclonico dopo 25 giorni senza precipitazioni e dalla mattina di sabato 18, nuvolosità e precipitazioni sparse interesseranno la regione con nevicate sui rilievi appenninici sopra gli 800-1000 metri, ma si tratterà tuttavia di una breve pausa contraddistinta da precipitazioni in quanto già domenica avremo un netto miglioramento del tempo sebbene le correnti nord-orientali manterranno le temperature piuttosto fredde. Poi per gran parte della prossima settimana non sono previste sulla regioni altre precipitazioni con i primi giorni della settimana in cui avremo una ventilazione orientale e le temperature comunque giorno dopo giorno torneranno di nuovo ad aumentare

Gianfranco Angeloni - Perugia meteo
) - Bollettino meteo del 14 gennaio 2020 - ore 15.00

L'alta pressione, ormai in fase statica, continua a governare il tempo su gran parte dell'Europa centromeridionale e quindi sull'Italia, mantenendo un tipo di tempo siccitoso con assenza quasi totale di precipitazioni ormai da più di 20 giorni, ma anche il suo carico pericoloso dovuto all'accumulo di sostanze inquinanti nei bassi strati dell'atmosfera. Una situazione questa che tende a modificarsi, almeno sull'Italia, a partire da venerdi 17 per l'avvicinarsi di una saccatura atlantica a cui è legata una perturbazione che sabato 18 tenderà a coinvolgere tutto il centro nord riportando precipitazioni sparse e nevicate sui rilievi alpini e appenninici. Nei giorni successivi la perturbazione tenderà a dar vita ad una area depressionaria centrata sulla Sardegna e, se questa tendenza verrà confermata, per alcuni giorni le precipitazioni potrebbero rinnovarsi su gran parte del centro-sud e isole maggiori, ma di questo avremo modo di riparlarne successivamente.

Sull'Umbria continuano ad allungarsi il numero di giornate asciutte con gelate e brinate mattutine e soleggiate durante il giorno ,ma con l'insidia sempre più pericolosa dell'accumulo di sostanze inquinanti nelle aree vallive e, fino a tutto venerdi 17, la circolazione atmosferica non subirà alcun cambiamento significativo, anzi da mercoledi 15 è molto probabile la comparsa di banchi di nebbia nelle aree pianeggianti e formazioni nuvolose altrove. Una situazione che tenderà a modificarsi, probabilmente, nella giornata di venerdi 17 ,dal pomeriggio, quando aumenterà la ventilazione per l'insorgere di correnti meridionali e anche la nuvolosità si farà più presente, indice del probabile cambiamento del tempo che si concretizzerà sabato 16 con il ritorno anche sull'Umbria di precipitazioni sparse.

Gianfranco Angeloni - Perugia meteo



Stazione meteo Perugia centro
in tempo reale

LE NOSTRE WEBCAM
 


Aggiornato al 31/12/2014

Vai al diario meteo giorno per giorno!

Vieni a trovarci su facebook!